Come ridurre le disuguaglianze di reddito in Europa

Ridurre le disuguaglianze in Europa: come le relazioni industriali e le politiche del lavoro possono colmare il divario.

Vi è un forte dibattito internazionale relativo sull’aumento delle disparità di reddito e dei loro effetti negativi sull’economia e sulle società. Una nuova pubblicazione dell’OIL affronta le cause profonde della disuguaglianza esaminando le varie politiche del mercato del lavoro e i sistemi delle relazioni industriali.  ILO News ha parlato con Daniel Vaughan-Whitehead, ILO Senior Economist e co-autore del libro.*

ILO News: ci sono stati molti libri sulla disuguaglianza. Cosa c’è di nuovo nella tua ricerca?

La maggior parte delle recenti ricerche ha esaminato le disparità salariali. Questa pubblicazione * affronta anche altre forme di disuguaglianza, come quelle relative alla distribuzione dell’orario di lavoro, l’accesso alla formazione, le opportunità di carriera e la copertura della protezione sociale, e l’accesso o il ri-accesso ai posti di lavoro. Identifica inoltre le disuguaglianze nei redditi e nelle condizioni di lavoro tra uomini e donne e per fascia di età, e comprende la ricerca su lavoratori a tempo parziale, lavoratori temporanei e lavoratori autonomi. Mira a rintracciare le cause profonde delle disuguaglianze nel mondo del lavoro.

ILO News: puoi darci alcuni numeri che illustrano le crescenti disuguaglianze?

Nel 2000 in tutti i paesi dell’UE il 10% delle famiglie a maggior reddito aveva introiti 7,9 volte più alti del 10% di quelle a reddito inferiore. Sedici anni dopo, il rapporto era aumentato a 9,7 – un aumento del 23% della disuguaglianza di reddito. Queste medie nascondono differenze significative tra i 28 paesi: in Svezia – dove la disuguaglianza di reddito era più bassa – il 10% più alto guadagnava 5,7 volte di più del 10% inferiore, mentre in Spagna e Romania il 10% più alto guadagnava rispettivamente 15 e 20,7. volte superiore al 10% inferiore.  I trasferimenti sociali destinati alla riduzione della povertà sono diminuiti dal 38% nel 2005 al 33,6% nel 2016.

ILO News: le relazioni industriali aiutano a rallentare la crescita del settore delle basse retribuzioni?

Il ruolo attivo delle relazioni industriali in Svezia, Danimarca e Finlandia ha contribuito a rafforzare le politiche per migliorare le competenze, portando al più basso livello di posti di lavoro a bassa retribuzione tra i paesi dell’OCSE. Il rafforzamento della contrattazione collettiva ha reso il Belgio uno dei tre migliori interpreti dell’uguaglianza salariale.   Nel 2015, la Germania ha introdotto un salario minimo nazionale combinato con una stimolazione della contrattazione collettiva che ha invertito la crescita dell’ultimo decennio nel numero di lavoratori a bassa retribuzione.

ILO News: hai menzionato il salario minimo: in che modo influisce sulla disuguaglianza?

I nostri studi nazionali mostrano che il salario minimo contribuisce a ridurre la disuguaglianza, ma solo se combinato con la contrattazione collettiva. Nel Regno Unito, il salario minimo ha contribuito a limitare l’aumento del numero delle basse retribuzioni, ma la mancanza di ulteriori round di contrattazione collettiva ha impedito ulteriori livelli di negoziazione. Non viene fatto molto a livello settoriale e di contrattazione, ed è molto limitato nel settore aziendale privato, dove solo il 16 per cento dei lavoratori è protetto da accordi collettivi. Questa situazione ha portato anche a vari tipi di contratti di lavoro con diversi livelli di retribuzione e condizioni di lavoro che hanno aumentato l’ineguaglianza.   Al contrario, il salario minimo in Irlanda ha contribuito a ridurre le disparità perché è stato integrato da un forte dialogo sociale tra lavoratori e datori di lavoro sui contratti di lavoro e sulle condizioni di retribuzione. Anche la contrattazione collettiva svolge un ruolo centrale nel garantire risultati più equi per donne e giovani. Aumentando i salari nella parte inferiore della scala salariale, la contrattazione collettiva di solito aiuta categorie di lavoratori come donne, giovani e migranti, che sono sovra-rappresentati tra i salari più bassi. Tuttavia, questi gruppi sono spesso sottorappresentati nella contrattazione collettiva. Ad esempio, gli schemi studenteschi – come introdotti nei Paesi Bassi – sono caratterizzati da livelli di retribuzione molto bassi, con un orario di lavoro minimo, e spesso non rientrano nella copertura della contrattazione collettiva.   Il sostanziale peggioramento della qualità dei posti di lavoro a seguito della crisi economica ha colpito soprattutto i giovani e i lavoratori poco qualificati in paesi come l’Italia, la Spagna, il Portogallo e molti altri.

La contrattazione collettiva aiuta anche a ridistribuire più equamente l’orario di lavoro, ad esempio in un contesto in cui l’orario di lavoro insufficiente per i lavoratori a tempo parziale può anche aumentare la disuguaglianza, come mostra l’esempio dei Paesi Bassi e di altri paesi. Il nostro libro presenta accordi collettivi settoriali in un certo numero di paesi come Francia, Finlandia, Irlanda o Spagna che hanno fissato un numero minimo di ore per i lavoratori part-time. Il lavoro part-time involontario, che rappresenta un’importante fonte di disparità di reddito, è segnalato in crescita nella maggior parte dei paesi dell’UE.

In Spagna, ad esempio, il 60% del lavoro a tempo parziale è involontario. In diversi paesi, tra cui Slovenia e Germania, alcuni accordi hanno migliorato le condizioni di lavoro per i lavoratori delle agenzie del lavoro. Una serie di accordi collettivi a livello regionale – ad esempio in Catalogna – ha anche aiutato i lavoratori temporanei a trovare un’occupazione a tempo indeterminato e ha facilitato orari di lavoro più flessibili.

ILO News : i governi, i rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro sono pronti a far fronte al cambiamento delle modalità di lavoro?

Rafforzare la capacità delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori li aiuterà ad affrontare nuovi tipi di lavoro. L’aumento del subappalto, ad esempio, attraverso la complessa organizzazione dei servizi e la produzione lungo le catene di approvvigionamento, può essere fonte di disuguaglianza, soprattutto per i lavoratori dei livelli inferiori. Il nostro libro presenta accordi collettivi innovativi che hanno contribuito a migliorare i salari e le condizioni di lavoro delle imprese subappaltate in cui l’occupazione e le condizioni di lavoro sono spesso di scarsa qualità. Altri accordi sottolineano il ruolo delle parti sociali nel migliorare le competenze, in particolare attraverso percorsi formativi. Danimarca, Germania, Svezia, Francia e Lussemburgo hanno aiutato i dipendenti a prepararsi per le trasformazioni nel mondo del lavoro.

ILO News: le relazioni industriali possono aiutare a invertire la tendenza verso l’aumento delle disuguaglianze?

Il libro mostra che le relazioni industriali sono resilienti in molti paesi, nonostante la crisi, e svolgono un ruolo chiave nel ridurre le tendenze di disuguaglianza. La contrattazione collettiva, ad esempio, contribuisce a rendere la parità di retribuzione per lavoro di pari valore una realtà, come abbiamo visto in Danimarca, Francia, Slovenia e Svezia dove la riduzione del divario retributivo di genere è un obiettivo di alcuni accordi collettivi.

Lo Stato – un attore principale delle relazioni industriali – può promuovere un efficace dialogo sociale tra lavoratori e datori di lavoro e contribuire a mantenere e stimolare le istituzioni di relazioni industriali. Vi è una chiara necessità di un’azione congiunta e inventiva di sindacati, datori di lavoro e governi per rendere i mercati del lavoro più inclusivi e più uguali estendendo i diritti del lavoro e la protezione dello stato sociale a tutti i lavoratori. L’innovazione per un dialogo sociale inclusivo ed efficace in un mondo del lavoro in rapida evoluzione è un compito urgente. (Fonte ILO) Traduzione a cura di Mario Padroni

* Reducing inequalities in Europe: How industrial relations and labour policies can close the gap (Ridurre le disuguaglianze in Europa: come le relazioni industriali e le politiche del lavoro possono colmare il divario)

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939