Un progetto ILO nelle comunità minerarie artigianali del Ghana sta contribuendo a ridurre il lavoro minorile e ad aprire opportunità di educazione per i bambini vulnerabili.

(Notizie dell’ILO) – Vincent, Theresa e Isaac hanno smesso di andare a scuola in modo che potessero aiutare a sostenere le loro famiglie.Senza altre opzioni disponibili

hanno lavorato nel settore minerario, su piccola scala, del Ghana, che rappresenta una pericolosa occupazione per adulti e bambini.

Le miniere artigianali e in piccola scala, rappresentano il 15-20% della produzione mondiale annuale di oro e forniscono occupazione a circa 10-15 milioni di minatori in tutto il mondo.

Questa situazione è associata a una serie di questioni sociali e lavorative, come il lavoro minorile, la tratta di esseri umani, l’esposizione al mercurio tossico e la distruzione ambientale. Gran parte dell’oro finisce nella gioiellerie di tutto il mondo.

L’età minima di lavoro nazionale in Ghana è di 14 anni. Qualsiasi persona di età inferiore a 18 non dovrebbe svolgere lavori pericolosi, compresi ambienti malsani, orari eccessivi o l’uso di macchinari pericolosi.

Al fine di affrontare il lavoro minorile e migliorare le condizioni di lavoro nell’industria mineraria dell’oro artigianale e su piccola scala, il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti (USDOL) ha stanziato 5 milioni di dollari in finanziamenti all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) per attuare il progetto Caring Gold Mining in Ghana e nelle Filippine.

Il progetto fa parte di un più ampio sforzo da parte dell’USD per affrontare il lavoro minorile nel settore minerario in tutto il mondo, con 20,75 milioni USD in progetti realizzati in Colombia, Repubblica Democratica del Congo, Ghana e Filippine.

Progetti che si svolgono lavorando con le comunità locali e con i comitati di protezione dell’infanzia, guidati dalla comunità per sensibilizzare sui rischi del mining e sulla necessità di portare i bambini a scuola.

Il progetto supporta anche la formalizzazione delle operazioni minerarie attraverso programmi di protezione sociale e di sostentamento. Inoltre, aiuta le famiglie ad accedere ai trasferimenti di denaro tramite un programma di governo locale in modo che possano permettersi i loro bisogni di base. Significa che i bambini possono andare a scuola invece di lavorare.

Vincent, Theresa e Isaac sono stati rimossi dal lavoro nelle miniere dai comitati di protezione dei minori della comunità e ora frequentano la scuola locale. Sono entrati a far parte del Children’s Club della scuola, che promuove i diritti dei bambini attraverso il programma SCREAM dell’ILO, che sostiene i bambini attraverso l’istruzione, le arti visive, i media e la musica.

Ad oggi, 100 scuole hanno beneficiato di queste attività. È probabile che il progetto venga esteso ad altre comunità, con l’obiettivo di raggiungere famiglie più vulnerabili. Fonte ILO (International Labour Organization).

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939