Giornata mondiale senza tabacco: tabacco e malattie cardiache

Il 31 maggio 2018 è stata la Giornata mondiale senza tabacco, nel mondo l’uso del tabacco è in calo, ma non abbastanza velocemente.

L’uso del tabacco è diminuito notevolmente dal 2000, secondo un nuovo rapporto dell’OMS, ma il la riduzione è insufficiente per raggiungere gli obiettivi concordati a livello globale volti a proteggere le persone dalla morte e dalle malattie cardiovascolari e non trasmissibili (NCD).

Nel World No Tobacco Day 2018, l’OMS si è unita alla World Heart Federation per evidenziare il legame tra tabacco e malattie cardiovascolari (CVD) – le principali cause di morte al mondo, responsabile del 44% di tutte le morti NCD o 17,9 milioni di morti annualmente.

L’uso del tabacco e l’esposizione al fumo di “seconda mano” (indiretto) sono le principali cause di malattie cardiovascolari, inclusi infarti e ictus, che contribuiscono a circa 3 milioni di morti all’anno. Ma le prove rivelano una grave mancanza di conoscenza dei molteplici rischi per la salute associati al tabacco.

“La maggior parte delle persone sa che l’uso del tabacco causa cancro e malattie polmonari, ma molte persone non sono consapevoli che il tabacco causa anche malattie cardiache e ictus – i principali assassini del mondo”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. In questo World No Tobacco Day, l’OMS, sta richiamando l’attenzione sul fatto che il tabacco non causa solo il cancro, ma letteralmente “infrange i cuori”.

Mentre molte persone sono consapevoli del consumo di tabacco aumenta il rischio di cancro, ci sono lacune allarmanti nella conoscenza dei rischi cardiovascolari del consumo di tabacco. In molti paesi questa scarsa consapevolezza è sostanziale; per esempio in Cina, oltre il 60% della popolazione non sa che il fumo può causare attacchi di cuore, secondo il Global Adult Tobacco Survey. In India e Indonesia, più della metà degli adulti non sa che il fumo può causare ictus.

“I governi hanno il potere nelle loro mani per proteggere i loro cittadini dalla sofferenza inutilmente dalle malattie cardiache”, afferma il dott. Douglas Bettcher, direttore dell’OMS per la prevenzione delle malattie non trasmissibili. “Le misure che riducono i rischi per la salute del cuore poste dal tabacco includono il fatto che tutti i luoghi pubblici e di lavoro interni siano completamente non fumatori e promuovano l’uso di avvertenze sui pacchetti di tabacco che dimostrano i rischi per la salute del tabacco”.

Mondo fuori pista per raggiungere l’obiettivo di riduzione del tabacco
Il tabacco uccide oltre 7 milioni di persone ogni anno, nonostante la costante riduzione dell’uso del tabacco a livello globale, come dimostra il nuovo Rapporto globale dell’OMS sulle tendenze nella prevalenza del fumo di tabacco 2000-2025. Il rapporto mostra che nel mondo, il 27% di tabacco nel 2000, rispetto al 20% nel 2016.

Tuttavia, il ritmo di azione per ridurre la domanda di tabacco e le relative morti e malattie è in ritardo rispetto agli impegni globali e nazionali di ridurre il consumo di tabacco entro il 30% entro il 2025 tra le persone di 15 anni e più. Se la tendenza continua sulla traiettoria attuale, il mondo raggiungerà solo una riduzione del 22% entro il 2025.

Altri risultati principali del nuovo rapporto includono:

Cambiamenti nel consumo di fumo: oggi ci sono 1,1 miliardi di fumatori adulti nel mondo, e almeno 367 milioni di consumatori di tabacco “non fumato” (es: masticato o inalato). Il numero di fumatori nel mondo è cambiato a malapena in questo secolo: era anche di 1,1 miliardi nel 2000. Ciò è dovuto alla crescita della popolazione, anche se i tassi di crescita del consumo diminuiscono.

Per sesso: per i maschi di età pari o superiore a 15 anni, il 43% di tabacco affumicato nel 2000 rispetto al 34% nel 2015. Per le donne, l’11% è fumato nel 2000, rispetto al 6% nel 2015.

Tabacco non fumato (masticato o inalato) circa il 6,5% del totale la popolazione di 15 anni e più usa tabacco senza fumarlo (8,4% di maschi e 4,6% di femmine).

Risposta dei Paesi: oltre la metà di tutti gli Stati membri dell’OMS ha ridotto la domanda di tabacco e quasi uno su otto è in grado di raggiungere l’obiettivo di riduzione del 30% entro il 2025. Ma i paesi devono fare di più per monitorare l’uso del tabacco in tutte le sue forme – non solo fumato. Attualmente, uno su quattro paesi non dispone di dati sufficienti per monitorare la loro epidemia di tabacco.

Giovani: in tutto il mondo, circa il 7%, o poco più di 24 milioni di bambini di età compresa tra 13 e 15 anni, fumano sigarette (17 milioni di ragazzi e 7 milioni di ragazze). Circa il 4% dei bambini di età compresa tra 13 e 15 anni (13 milioni) utilizza prodotti del tabacco senza fumarlo.

Paesi in via di sviluppo: oltre l’80% dei fumatori di tabacco vive in paesi a basso e medio reddito (LMICS). La prevalenza del fumo sta diminuendo più lentamente nei LMIC rispetto ai paesi ad alto reddito e il numero di fumatori è in aumento nei paesi a basso reddito.

Dr Svetlana Axelrod, Assistente Direttore generale dell’OMS per le malattie non trasmissibili e la salute mentale, afferma: “Sappiamo quali politiche e azioni possono aumentare i tassi di abbandono del tabacco, impedire alle persone di iniziare a usare il tabacco e ridurre la domanda. tassazione, divieti di marketing e implementazione di imballaggi semplici. La nostra migliore possibilità di successo è attraverso l’unità globale e una forte azione multisettoriale contro l’industria del tabacco”. Fonte WHO – World Health Organization. Guarda il video

(Traduzione a cura di Mario Padroni)

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939