ILO: espandere la protezione sociale ai 4 miliardi di persone che ne sono escluse

Due capi di agenzie delle Nazioni Unite hanno firmato un invito a presentare proposte affinché i paesi possano espandere la sicurezza sociale e l’assistenza a oltre quattro miliardi di persone attualmente senza protezione

GINEVRA – Il direttore generale dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), Guy Ryder, e l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, hanno chiesto ai leader mondiali di sostenere i programmi di sicurezza sociale e assistenza in tutto il mondo, affermando che sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi dell’agenda di sviluppo globale delle Nazioni Unite. I programmi di protezione sociale devono essere pronti a raggiungere altri quattro miliardi di persone entro il 2030, data prevista per l’Agenda di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e i suoi 17 obiettivi, hanno detto.

Sono intervenuti oltre 100 alti funzionari governativi, rappresentanti delle imprese, sindacalisti e altri, alla terza riunione del partenariato multi-stakeholder al fine di raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile “1.3” sulla protezione sociale, Ryder ha affermato che saranno necessari maggiori sforzi a differenti livelli. “So che tutti voi siete presenti qui oggi perché voi – e le istituzioni che rappresentate – siete anche chiamati ad agire”.

Bachelet ha aggiunto che tali programmi sono stati fondamentali, sia per sostenere i diritti umani sia per garantire che il lavoro di sviluppo abbia un impatto duraturo . “Stiamo iniziando ad accettare che non ci sono scorciatoie per il vero sviluppo e che il benessere può essere raggiunto solo attraverso l’investimento nelle persone, senza eccezioni’, ha detto. ‘Investire nelle persone non è solo la cosa giusta da fare, è la cosa più intelligente da fare.’

Il loro invito all’azione chiede ai paesi di garantire e gestire responsabilmente le risorse pubbliche per la protezione sociale e di promuovere il dialogo per aumentare la copertura delle pensioni pubbliche, dell’assistenza sanitaria, degli assegni familiari, della disoccupazione e dei sussidi di maternità e altri programmi. che solo il 45% della popolazione globale ha attualmente accesso alla protezione sociale.

L’ILO, le cui convenzioni internazionali sul lavoro fissano standard minimi e altre linee guida per la copertura della protezione sociale, ha portato avanti gli sforzi per ampliare i benefici attraverso il suo programma globale di costruzione Piani di protezione sociale per tutti, iniziati nel 2016. L’ILO è anche l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite per monitorare i progressi verso il raggiungimento degli obiettivi ental dell’obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite 1.3 sull’estensione della protezione sociale, che è riportato nella relazione e nel database della protezione sociale mondiale.

Il vicedirettore generale per la politica, Deborah Greenfield, ha delineato l’approccio del programma che si concentra sia sull’assicurazione sociale in cui i lavoratori e i datori di lavoro effettuano i pagamenti, sia sull’assistenza sociale che è finanziata dai bilanci statali. Finora il programma ha sostenuto benefici nuovi o migliorati per oltre 12 milioni di persone in paesi come Cambogia, Camerun, Indonesia, Mozambico e Zambia.

“Questi non sono programmi pilota con una data di scadenza. Non si tratta di benefici finanziati dai donatori che scompariranno dopo l’interruzione di un progetto”, ha affermato Greenfield. “Si tratta di programmi di proprietà nazionale e finanziati a livello nazionale gestiti da istituzioni statali rafforzate, rese possibili grazie al sostegno collettivo di molti di voi riuniti in questa sala”.

L’incontro è stato organizzato per incoraggiare discussioni tra i sostenitori della Partnership Multi-Stakeholder. La partnership riunisce i sostenitori del programma globale dell’ILO, tra cui molte aziende che costituiscono la rete aziendale globale per i piani di protezione sociale. I membri della Global Business Network si sono incontrati separatamente per discutere su come le imprese possono contribuire all’agenda delle Nazioni Unite e sostenere la protezione sociale attraverso le loro risorse umane e le politiche di responsabilità sociale delle imprese.

Il programma è sostenuto anche dai sindacati nazionali e globali attraverso la rete di protezione sociale, libertà e giustizia per i lavoratori. I rappresentanti sindacali hanno discusso le strategie per sostenere una protezione sociale adeguata e sostenibile e assicurare finanziamenti internazionali per lo sviluppo a sostegno dei sistemi di protezione sociale in tutto il mondo.

Il programma globale dell’ILO sulla costruzione di piani di protezione sociale per tutti riunisce partner pubblici e privati, tra cui fondazioni, imprese e cittadini per sostenere governi, lavoratori e datori di lavoro nella progettazione e nell’attuazione di sistemi di protezione sociale adeguati e sostenibili in tutto il mondo. Fonte ILO  Traduzione a cura di Mario Padroni

Photo by Robert Collins on Unsplash

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939