Listeriosi, più della metà dei focolai in Ue sfuggono ai controlli

Studio del Centro europeo per la prevenzione  e il controllo delle malattie su Listeria Monocytogenes

La maggior parte dei focolai di listeriosi non viene individuata. È l’ammissione del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie che vuole migliorare la sorveglianza in Ue. Come riporta FoodNavigator, un articolo pubblicato sulla rivista Eurosurveillance spiega che più della metà dei gravi casi di listeriosi nell’Unione europea appartengono a ceppi, molti dei quali non vengono raccolti abbastanza velocemente dall’attuale sistema di sorveglianza. Lo studio, coordinato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), ha analizzato 2.726 isolati di Listeria monocytogenes umani da 27 paesi tra il 2010 e il 2015. Poco meno del 50% dei casi erano stati isolati. Circa un terzo dei casi identificati come parte di un cluster ha interessato più di un paese, spesso durato per diversi anni. Tuttavia, solo due epidemie di listeriosi sono state segnalate nell’UE nel 2016 e cinque nel 2015. Ciò suggerisce che molti focolai non sono stati rilevati, ha detto l’ECDC.

Rilevamenti più veloci? È possibile

“Attraverso lo studio su larga scala”, continua FoodNavigator, “l’ECDC ha esaminato l’epidemiologia della listeriosi attraverso il sequenziamento dell’intero genoma. L’organizzazione ha riscontrato che questo metodo, se implementato a livello dell’UE, potrebbe portare a un rilevamento più rapido di epidemie multinazionali”. Questo procedimento potrebbe accelerare l’individuazione dei ceppi anche di cinque mesi, rispetto alle indagini epidemiologiche a livello nazionale, limitando il verificarsi di ulteriori casi dalla stessa fonte alimentare comune. Cosa che invece negli ultimi anni si è verificata nel caso di diverse epidemie alimentari. Nello specifico, la listeriosi, malattia potenzialmente grave, nel 2016 è stata registrata in 2.536 casi in Europa, inclusi 247 decessi, con un trend in crescita dal 2008. “Stiamo ora rafforzando la sorveglianza di routine introducendo la raccolta e l’analisi dei dati di sequenziamento dell’intero genoma da tutti i casi di listeriosi umana segnalati “, ha dichiarato il capo scienziato dell’ECDC, Mike Catchpole, aggiungendo: “Migliorare la nostra sorveglianza sui casi di Listeria salverà vite umane, in particolare tra i gruppi di popolazione vulnerabili come gli anziani e anche le donne in gravidanza, che potrebbero trasmettere i batteri al feto se consumano cibo contaminato”. Fonte “Il Salvagente”, EFSA e ASL di Modena

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939