Più della metà dei lavoratori latinoamericani non sono coperti dalla previdenza sociale contributiva: ILO

La protezione sociale è una componente fondamentale dello sviluppo economico e sociale, che è fondamentale per la lotta alla povertà e alla disuguaglianza

CITTA ‘DEL MESSICO (Notizie dell’ILO) – Più della metà dei lavoratori latinoamericani non sono coperti da un sistema di sicurezza e previdenziale sociale contributivo che li copre dai rischi legati a malattie, disoccupazione e vecchiaia, afferma un nuovo rapporto dell’ILO. La relazione chiede un’azione decisiva per colmare le lacune esistenti e future nella copertura della sicurezza sociale.

Il Laboratorio Panorama tematico dell’ILO: Presente e futuro della protezione sociale in America Latina e Caribe (Prospettiva del lavoro: presente e futuro della protezione sociale in America Latina e nei Caraibi) mostra che i sistemi esistenti nella regione sono a un bivio, segnata dalla necessità di aumentare il numero di persone coperte, il livello di benefici e la capacità di garantire la sostenibilità di tali sistemi.

“Stiamo parlando di circa 145 milioni di lavoratori che non contribuiscono in una regione con una popolazione anziana, che potrebbe avere un impatto sul loro futuro e su quello delle loro famiglie”, ha dichiarato il Direttore Regionale dell’ILO per l’America Latina e i Caraibi José Manuel Salazar-Xirinachs, che ha presentato il rapporto a Città del Messico. “Negli ultimi anni ci sono stati progressi innegabili, ma ci sono ancora grandi lacune nella copertura che devono essere affrontate con urgenza”.

L’analisi dell’ILO copre una serie di benefici, dalle pensioni per le persone anziane all’assicurazione contro la disoccupazione, alla copertura sanitaria o ai trasferimenti di denaro che garantiscono il reddito per le famiglie con bambini, inclusa la copertura contributiva e non contributiva.

Secondo il rapporto, la copertura dei regimi pensionistici contributivi basata su record di occupazione è aumentata dal 36,6 al 44,6 per cento tra il 2005 e il 2015. Mentre questo può essere considerato uno sviluppo positivo, la cifra rivela anche che il 55 per cento della popolazione attiva non ha mai dato contributi.

Il rapporto rivela anche enormi differenze nella copertura contributiva* per settore e regione: della copertura beneficia principalmente il pubblico (raggiungendo l’80%) e i dipendenti privati (62,5%), mentre solo il 15% dei lavoratori autonomi e il 26,6% di quelli domestici i lavoratori sono coperti.

Anche la copertura è marcatamente più alta nella regione del Cono Sud (compreso il Brasile), dove raggiunge il 58,6%, rispetto ai paesi andini dove raggiunge es 31,4% o America Centrale e Messico dove raggiunge il 31,2%. Solo in sei dei 16 paesi inclusi nel campione, più del 50% degli occupati è coperto da un sistema di protezione sociale contributivo.

Salazar ha sottolineato che “La protezione sociale è una componente fondamentale dello sviluppo economico e sociale, che è fondamentale per la lotta alla povertà e alla disuguaglianza’. Per affrontare le incertezze generate dal futuro del lavoro, ha chiesto misure urgenti ‘per ridurre le carenze nella regione”.

‘I dati ci ricordano che viviamo in una regione con un alto livello di informalità, che ha un impatto diretto sulla partecipazione ai sistemi di protezione sociale tradizionali perché la maggior parte di questi lavoratori non fornisce contributi. Quasi la metà di quelli impiegati nell’America Latina e nei Caraibi sono nell’economia informale ‘, ha aggiunto Salazar.

Il rapporto afferma che la copertura contributiva delle donne è migliorata più degli uomini nel periodo 2005-2015. A livello regionale, il tasso per le donne ha raggiunto 45,3 per cento, mentre era solo del 44,2 per cento per gli uomini.

La relazione sottolinea inoltre che “come una regione con disuguaglianze esacerbate, l’America Latina trasferisce le rilevanti disuguaglianze nei suoi mercati del lavoro alla sicurezza sociale’” Si conclude proponendo dieci punti per guidare il dibattito e l’azione dei governi e degli attori sociali connessi alle riforme dei sistemi di protezione sociale nella regione. * Per la disponibilità di informazioni e per ragioni di copertura della comparabilità, i dati qui si riferiscono solo ai contributi pensionistici. Fonte ILO Traduzione a cura di Mario Padroni

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939