Ponteggio e Piano di Montaggio Uso e Smontaggio (PiMUS)

Le opere provvisionali, tra cui il ponteggio, sono tutte quelle strutture ed opere provvisorie indipendenti dalla struttura del fabbricato e che non faranno parte dell’opera compiuta.

Le opere provvisionali possono suddividersi, in base al loro utilizzo, in:

  • opere di servizio (ponte di servizio, passerelle e andatoie)
  • opere di sicurezza (ponti di sicurezza, sbarramenti delle aperture, impalcati sopra i posti di lavoro, reti anticaduta, mantovane parasassi)
  • opere di sostegno (durante demolizioni o in strutture danneggiate)

Alcune lavorazioni che devono essere eseguite in quota prevedono l’utilizzo di trabattelli e ponteggi, o attrezzature che permetto di raggiungere quote anche abbastanza elevate, come ad esempio le piattaforme di lavoro (PLE). La scala portatile deve essere utilizzata solamente nei casi in cui l’uso si effettivamente sicuro (scala fissata con operatore formato ad altezze limitate).

Generalmente i trabattelli o ponteggio a torre su ruote sono utilizzati per raggiungere quote fino ad un massimo di dodici metri se il trabattello viene utilizzato all’interno, fino a otto metri se il trabattello viene utilizzato all’esterno. Per l’utilizzo del trabattello in cantiere è necessario avere a portata di mano il manuale di uso e manutenzione del trabattello.

Diverso è se in cantiere è necessario realizzare un ponteggio.

Ma cosa è un ponteggio?

É una struttura reticolare provvista di impalcati, che possono essere costituiti da tavole di legno o di acciaio, detti anche ponti, indipendentemente dal materiale con cui è costruita la struttura portante.

La loro realizzazione risulta essere necessaria nelle attività di costruzione o di ristrutturazione degli edifici, che in copertura possono fungere da dispositivi di protezione collettiva contro le cadute dall’alto.

I ponteggi possono essere di tre tipologie:

  1. ponteggi a tubi e giunti, molto versatili e idonei per qualsiasi tipologia di impiego, ma allo stesso tempo molto laboriosi per poter essere realizzati
  2. Ponteggi a telai prefabbricati, che generalmente sono utilizzati per lavori da eseguirsi su facciate di edifici per lo più lineari
  3. Ponteggi multi direzionali, molto flessibili e idonei per la realizzazione di strutture in tre dimensioni.

Quali sono gli elementi principali che un ponteggio deve possedere per legge?

Affinché un ponteggio sia perfettamente realizzato e possa essere utilizzato dalle imprese per l’esecuzione dei lavori, deve avere i seguenti elementi:

  1. Ancoraggi a muro
  2. Parapetti di piano, che devono avere un’altezza non inferiore a 1,10 m
  3. Parapetti sommitali, che devono avere un’altezza non inferiore a 1,10 m
  4. Telai prefabbricati (se si parla di ponteggi prefabbricati)
  5. Tubi e giunti (se si parla di ponteggi a tubo e giunto)
  6. Tavole fermapiede, dell’altezza minima di 15 cm
  7. Scale per l’acceso ai vari piani di lavoro
  8. Intavolati in legno o acciaio
  9. Mantovana, ovvero parasassi, capace di intercettare la caduta del materiale dall’alto……..continua a leggere

(Autore Dott. Ing. Luca Donnaloia Senior Consultant S&L srl))

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939