Qualità e condizioni di lavoro nel modo

Una relazione congiunta dell’ILO e dell’agenzia di ricerca europea, Eurofound, fornisce un’analisi comparativa senza precedenti della qualità del lavoro in tutto il mondo, tra cui orari di lavoro, differenze retributive di genere, esposizione a rischi fisici e opportunità di aggiornamento delle competenze.

GINEVRA (Notizie ILO) – Un rapporto congiunto ILO-Eurofound che copre circa 1,2 miliardi di lavoratori del mondo ha trovato forti differenze nell’orario di lavoro, livelli significativamente differenti di lavoro intensivo ed emotivamente impegnativo, inoltre che i lavoratori meno istruiti hanno complessivamente peggiori condizioni di lavoro e minori opportunità di sviluppare le loro abilità.
Le condizioni di lavoro in una prospettiva globale forniscono la prima analisi comparativa delle indagini sulla qualità del lavoro svolte in 41 paesi, principalmente negli ultimi cinque anni. Copre l’UE28, la Cina, la Repubblica di Corea, la Turchia, gli Stati Uniti, l’America centrale di lingua spagnola, l’Argentina, il Cile e l’Uruguay.
Analizza sette parametri della qualità del lavoro: l’ambiente fisico, l’intensità del lavoro, la qualità dell’orario di lavoro, l’ambiente sociale, le competenze e lo sviluppo, le prospettive e i guadagni.
Principali risultati:
Le differenze nell’orario di lavoro sono nette tra i paesi, con un sesto dei lavoratori nei paesi dell’UE che lavorano più di 48 ore settimanali, mentre nella Repubblica di Corea, in Turchia e in Cile circa la metà dei lavoratori supera questo valore. In tutti i paesi esaminati, almeno il 10% dei lavoratori lavora durante il tempo libero.
Oltre il 70 per cento dei lavoratori nella Repubblica di Corea è in grado di prendersi un’ora o due di lavoro per occuparsi di questioni personali e familiari. Questo si confronta con il 20-40 per cento in meno dei lavoratori negli Stati Uniti, in Europa e in Turchia.
Il lavoro intensivo – con scadenze ravvicinate e lavoro ad alta velocità – è vissuto da un terzo dei lavoratori nell’UE e da metà negli Stati Uniti, in Turchia, in El Salvador e in Uruguay. Circa il 25-40% dei lavoratori hanno un lavoro che esigono coinvolgimenti emotivi
Indipendentemente dal paese, i meno istruiti ottengono meno accesso alle opportunità di crescere e sviluppare le proprie capacità. La proporzione di lavoratori che riferiscono di aver imparato cose nuove al lavoro varia tra il 72 e l’84% negli Stati Uniti, nell’UE e nell’Uruguay, ma le percentuali sono inferiori in Cina (55%), Turchia (57%) e Repubblica di Corea (30 percento).
L’esposizione ai rischi fisici è frequente. Più della metà dei lavoratori ha dichiarato di essere esposta a movimenti ripetitivi della mano e delle braccia. Circa un quarto ha riferito di frequente esposizione a temperature elevate durante il lavoro e quasi tutti hanno affermato di essere spesso esposti a basse temperature.
In tutti i paesi, le donne guadagnano molto meno degli uomini e sono sovrarappresentate nella fascia più bassa della distribuzione degli utili.
Fino al 12% dei lavoratori ha affermato di essere stato oggetto di abusi verbali, comportamento umiliante, bullismo, attenzione sessuale indesiderata o molestie sessuali.
L’insicurezza del lavoro è diffusa in tutti i paesi, con almeno il 30% di coloro che hanno un lavoro senza prospettive di carriera.
Circa il 70% dei lavoratori ha valutato positivamente le prestazioni dei propri dirigenti nella loro gestione e ha segnalato alti livelli di supporto sociale da parte dei colleghi (sebbene con alcune eccezioni a livello nazionale).
La relazione sottolinea che la qualità del lavoro può essere migliorata riducendo le richieste eccessive per i lavoratori e limitando la loro esposizione ai rischi. Sottolinea inoltre l’importanza di un ambiente sociale positivo sul posto di lavoro, tra cui una gestione solidale e colleghi, nonché un dialogo sociale per migliorare la qualità del lavoro.
L’ILO e Eurofound hanno inoltre invitato i paesi di tutto il mondo a sviluppare indagini sulle condizioni di lavoro che includano dati comparabili sulla qualità del lavoro, affermando che ciò è fondamentale per identificare questioni di interesse e fornire elementi di prova per l’azione politica.

“Buone condizioni di lavoro contribuiscono al benessere dei lavoratori e al successo delle imprese”, ha affermato Manuela Tomei, direttore del dipartimento di qualità del lavoro dell’ILO. ‘Comprendere i problemi che riguardano il benessere e la produttività delle donne e degli uomini che lavorano è un passo fondamentale verso il raggiungimento di un lavoro dignitoso per tutti. Ciò è particolarmente vero in un momento in cui le nuove tecnologie e le nuove forme di organizzazione del lavoro stanno ridisegnando il mondo del lavoro ‘.

“La qualità del lavoro può essere migliorata – riducendo le richieste eccessive per i lavoratori e limitando la loro esposizione ai rischi – e anche aumentando il loro accesso alle risorse lavorative che aiutano a raggiungere gli obiettivi di lavoro o mitigare gli effetti di queste richieste”, ha detto Juan Menéndez-Valdés, Direttore esecutivo di Eurofound. “I lavoratori, i datori di lavoro e le loro organizzazioni hanno ciascuno un ruolo da svolgere nel migliorare la qualità del lavoro”.
A proposito di Eurofound
La Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (Eurofound) è un’agenzia dell’Unione europea, il cui ruolo è fornire conoscenze per contribuire allo sviluppo di migliori politiche sociali, occupazionali e relative al lavoro. Fonte ILO (International Labour Organization). Fonte ILO.  Traduzione a cura di Mario Padroni  Photo by Annie Spratt on Unsplash

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939