Un focolaio plurinazionale di Salmonella Agona probabilmente legato al consumo di alimenti pronti

In cinque Paesi europei sono stati segnalati 147 casi di persone infette da ceppi di Salmonella Agona, 122 si sono verificati a partire dall’inizio del 2017 mentre i rimanenti 25 sono stati identificati a posteriori tra il 2014 e il 2016.

Il numero delle persone interessate segnalate in ogni Paese ammonta a: 129 nel Regno Unito, 15 in Finlandia, 1 in Danimarca, 1 in Germania e 1 in Irlanda.

Sulla base delle informazioni disponibili, gli esperti dell’EFSA e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ritengono che la fonte dell’infezione potrebbero essere prodotti pronti per il consumo, contenenti cetrioli e preparati nel Regno Unito. Tuttavia, non sono riusciti a individuare il punto preciso all’interno della catena di produzione nel quale si è verificata la contaminazione.

Gli esperti hanno avvertito che, fino a quando non saranno individuati la fonte dell’infezione e il punto preciso della contaminazione nella catena di produzione, potrebbero verificarsi nuovi casi.

Conclusioni dello studio eseguito da EFSA

Un’epidemia multi-paese di Salmonella enterica sottospecie enterica serovar Agona (S. Agona) è sotto inchiesta in l’Unione europea (UE), con casi identificati in modo retrospettivo fino al 2014. Nel complesso, sono stati registrati 147 casi di epidemie segnalati da cinque paesi dell’UE: 122 casi dal 1 ° gennaio 2017 e 25 casi storici tra il 2014 e il 2016. Il Regno Unito sta segnalando la maggior parte dei casi di focolaio (129), con Finlandia (15), Danimarca, Germania e Irlanda (un caso ciascuno) riportando gli altri casi. Il caso irlandese era probabilmente infetto mentre visitava il Regno Unito.

L’epidemia è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito utilizzando l’intero sequenziamento del genoma (WGS, Whole Genome Sequencing). Tutta la S. Agona isolati nei cinque paesi sono geneticamente vicini, con una differenza massima di 2 alleli, isolati mediante lo schema di tipizzazione della sequenza multi-core del genoma (cgMLST) utilizzando la pipeline Enterobase dell’ECDC. I casi hanno raggiunto il picco ad aprile 2017 e 2018. La stretta relazione genomica e i distinti picchi primaverili stagionali suggeriscono che i casi fanno parte di un focolaio intermittente di origine comune.

Nel Regno Unito dal 2018 si sono avuti diciasette casi, in cui sono stati isolati negli alimenti ceppi di S. Agona geneticamente strettamente legati ai ceppi umani. Gli isolati alimentari provenivano da cetrioli campionati durante la lavorazione prima e dopo lavaggio (11 isolati) e prodotti alimentari pronti da mangiare (RTE Ready To Eat) contenenti cetrioli (sei isolati). Il cibo contaminato gli isolati sono stati campionati nel Regno Unito in quattro stabilimenti di proprietà della società A e di un impianto della società C.

Allo stato attuale, non vi sono sufficienti informazioni epidemiologiche disponibili sul consumo di sostanze contaminate da prodotti umani, per sostenere le prove microbiologiche fornite dall’isolamento del ceppo epidemico in Italia cibo. Le indagini epidemiologiche negli altri paesi colpiti non hanno generato alcuna ipotesi forte sul veicolo o fonte di infezione.

Sebbene i cetrioli utilizzati in tutti i prodotti finali contaminati provenissero dalla Spagna per un periodo limitato (da novembre 2017 ad aprile 2018), non è stato identificato alcun legame tra le catene di approvvigionamento: produttori primari di i cetrioli erano diversi (produttori A e B) ei cetrioli venivano consegnati a diverse società di trasformazione attraverso diversi distributori nel Regno Unito. I risultati di laboratorio per Salmonella in tutti i cetrioli i campioni, presi a livello di produzione primaria in Spagna o durante la distribuzione a / nel Regno Unito, erano negativi.

Sulla base delle informazioni disponibili, l’evidenza microbiologica suggerisce che prodotti RTE contenenti cetrioli come un possibile veicolo di infezione, ma finora non è stato possibile identificare il punto specifico della produzione catena in cui si è verificata la contaminazione.

Sono necessarie ulteriori indagini lungo la catena alimentare per identificare la fonte di contaminazione. Questi dovrebbero includere la raccolta di informazioni su varie fasi di produzione e lavorazione per i prodotti RTE implicati in questo caso, oltre a un accurato campionamento e test. Fino a quando la fonte dell’infezione e il punto specifico di contaminazione lungo la catena di produzione alimentare non sono stati identificati e controllati, possono verificarsi nuovi casi di focolaio, con un’alta probabilità che i ceppi epidemici riemergeranno all’inizio del 2019, come accaduto negli anni precedenti.

Possibilità di risposta

Le autorità competenti sono invitate a segnalare i nuovi casi umani associati a questo evento e le scoperte di indagini di sanità pubblica al Sistema di informazione di epidemiologia per le malattie dell’alimentazione e dell’acqua e le zoonosi (EPIS-FWD) e prendere in esame interviste nuove e recenti Casi di S. Agona sul consumo di prodotti RTE, compresi i loro ingredienti. L’ECDC sta supportando l’analisi WGS di isolati di S. Agona umani da casi potenzialmente correlati a questo focolaio e riportati in paesi che non eseguono regolarmente WGS. Poiché la definizione del caso europeo di questo focolaio si basa anche sulla pipeline ECDC cgMLST, l’ECDC suggerisce che i paesi con isolati sequenziati potrebbero condividere con sequenze di S. Agona dell’ECDC diverse da un massimo di 15 alleli dai ceppi rappresentativi dell’epidemia per confermare o escludere gli isolati come parte dell’epidemia. Il laboratorio di riferimento dell’Unione europea per la Salmonella (EURL-Salmonella) fornisce sostegno agli Stati membri che non possiedono capacità di WGS, eseguendo analisi WGS di isolati non umani per ceppi potenzialmente correlati a questo focolaio. Le autorità competenti dei settori della sanità pubblica e della sicurezza alimentare nei paesi dell’UE interessati dovrebbero condividere informazioni a livello europeo sulle indagini epidemiologiche, microbiologiche e ambientali (comprese le informazioni di rintracciamento) e pubblicare notifiche pertinenti utilizzando il sistema di allarme rapido e di reazione (EWRS) 1 e il sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi (RASFF) 2. Fonte EFSA (European Food Safety Authority) –  Traduzione a cura di Mario Padroni

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939