Il rapporto dell’ILO mostra progressi sulla copertura previdenziale globale, ma i benefici sono ancora bassi

 L’ILO invita gli Stati membri a garantire pensioni adeguate per tutti.

GINEVRA Mentre il 68% delle persone anziane in tutto il mondo riceve una pensione, i livelli di prestazioni rimangono inadeguati, secondo un rapporto dell’ILO.

Protezione sociale per le persone anziane: tendenze politiche chiave e statistiche 2017-19 dimostra che sono stati compiuti progressi significativi nell’estensione della copertura dei sistemi pensionistici nei paesi in via di sviluppo. La maggior parte di questi paesi ottiene una copertura universale attraverso una combinazione di assicurazione sociale (che offre maggiori benefici) e assistenza sociale di base.

Paesi in via di sviluppo che hanno raggiunto una copertura universale includono Argentina, Bielorussia, Bolivia, Botswana, Cabo Verde, Cina, Georgia, Kirghizistan, Lesotho, Maldive, Mauritius, Mongolia, Namibia, Seychelles, Sudafrica, Swaziland, Timor Est, Trinidad e Tobago, Ucraina, Uzbekistan e Zanzibar (Tanzania). Altri paesi in via di sviluppo, tra cui l’Armenia, l’Azerbaigian, il Brasile, il Cile, il Kazakistan, la Thailandia e l’Uruguay sono vicini per raggiungere l’obiettivo della copertura universale.

Tuttavia, il diritto alla protezione sociale delle persone anziane non è ancora una realtà per la maggior parte delle persone nei paesi a basso reddito. In molti, meno del 20% di coloro che hanno raggiunto l’età legale per la pensione ricevono una pensione. In questi paesi, una parte importante degli anziani dipende ancora pesantemente dal sostegno familiare.

Gli standard dell’ILO e l‘Agenda 2030 delle Nazioni Unite, in particolare l’Obiettivo di sviluppo sostenibile 1.3, richiedono l’attuazione di sistemi nazionali di protezione sociale per tutte le donne e gli uomini anziani.

“La nostra relazione è un invito all’azione per raggiungere questo importante obiettivo”, ha affermato Isabel Ortiz, direttore del Dipartimento per la protezione sociale dell’ILO.

Riforme pensionistiche inadeguate.

Nei paesi a più alto reddito, con sistemi maturi di protezione sociale e invecchiamento della popolazione, la sfida principale è mantenere un equilibrio tra sostenibilità finanziaria dei sistemi pensionistici e pensioni adeguate.

“Le recenti misure di austerità o di consolidamento fiscale hanno influito anche sull’adeguatezza delle prestazioni pensionistiche. In diversi paesi queste riforme sono condotte con un obiettivo fiscale, senza guardare sufficientemente ai loro impatti sociali negativi, mettendo a rischio il rispetto degli standard minimi in materia di sicurezza sociale e l’erosione del contratto sociale. Di conseguenza, la povertà della vecchiaia sta aumentando in diversi paesi dell’OCSE”, ha affermato Isabel Ortiz.

La relazione invita i paesi a progettare le riforme della sicurezza sociale in modo equilibrato.

“I paesi che introducono riforme nei loro sistemi pensionistici devono trovare un equilibrio ottimale tra obiettivi di sostenibilità e benefici pensionistici al fine di raggiungere lo scopo dei sistemi pensionistici”, ha aggiunto Fabio Duran-Valverde, Responsabile delle finanze pubbliche, dei servizi attuaristici e statistici presso la ILO.

Invertire le privatizzazioni delle pensioni.

Uno sguardo ai sistemi pensionistici di tutto il mondo dimostra che i regimi pubblici, basati sulla solidarietà e il finanziamento collettivo, sono di gran lunga la forma più diffusa di protezione per la vecchiaia a livello globale.

Secondo il rapporto, le politiche di privatizzazione delle pensioni attuate in circa 30 paesi non hanno prodotto i risultati attesi, poiché la copertura e i benefici non sono aumentati, le disparità di genere e le posizioni di bilancio sono peggiorate, mentre i rischi sistemici sono stati trasferiti ai singoli.

Di conseguenza, la maggior parte dei paesi sta invertendo le misure di privatizzazione e ritornando ai sistemi pubblici basati sulla solidarietà.

“La privatizzazione delle pensioni ha portato molte promesse, tra cui maggiori livelli di benefit, estensione della copertura e minori costi fiscali. Tuttavia, gli schemi privatizzati hanno ampiamente disatteso i risultati previsti, motivo per cui i paesi stanno tornando ai sistemi pubblici”, ha affermato Ortiz.

L’ILO sta anche lanciando un Pension Primer online che fornisce strumenti chiave relativi alla progettazione del sistema pensionistico, opzioni politiche, adeguatezza dei sussidi, statistiche, esercitazioni video, studi nazionali e altro ancora. Un calcolatore del piano di protezione sociale consente agli utenti di stimare i costi delle pensioni sociali non contributive. Fonte ILO (International Labour Organization), traduzione a cura di Mario Padroni

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939