Contagio o fame, il dilemma dei lavoratori informali durante la pandemia COVID-19

Le misure di blocco aggraveranno la povertà e la vulnerabilità dei due miliardi di lavoratori dell’economia informale nel mondo, dice l’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

GENEVA (ILO News) – Le misure di isolamento e contenimento di COVID-19 minacciano di aumentare i livelli di povertà relativa tra i lavoratori dell’economia informale nel mondo di ben 56 punti percentuali nei paesi a basso reddito, dice un nuovo documento informativo pubblicato dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro.
Nei Paesi ad alto reddito, si stima che i livelli di povertà relativa tra i lavoratori informali (precari) aumentino di 52 punti percentuali, mentre nei Paesi a reddito medio-alto l’aumento è stimato a 21 punti percentuali.
Ben 1,6 miliardi dei due miliardi di lavoratori dell’economia informale nel mondo sono colpiti da misure di isolamento e di contenimento. La maggior parte lavora nei settori più colpiti o in piccole unità più vulnerabili agli shock.
Tra questi vi sono i lavoratori dei servizi di alloggio e di ristorazione, della produzione, della vendita all’ingrosso e al dettaglio, e gli oltre 500 milioni di agricoltori che producono per il mercato urbano. Le donne sono particolarmente colpite nei settori ad alto rischio, dice il rapporto.
Inoltre, con questi lavoratori che hanno bisogno di lavorare per sfamare le loro famiglie, le misure di contenimento COVID-19 in molti paesi non possono essere attuate con successo. Ciò mette in pericolo gli sforzi dei governi per proteggere la popolazione e combattere la pandemia. Secondo il rapporto, potrebbe diventare una fonte di tensione sociale in paesi con grandi economie informali.
Oltre il 75% del totale dell’occupazione informale si svolge in aziende con meno di dieci lavoratori, compreso il 45% dei lavoratori indipendenti senza dipendenti.
Con la maggior parte dei lavoratori informali che non hanno altri mezzi di sostentamento, si trovano ad affrontare un dilemma quasi irrisolvibile: morire di fame o di virus, dice il rapporto. La situazione è stata aggravata dalle interruzioni delle forniture alimentari, che hanno colpito in particolare i lavoratori dell’economia informale.
Per i 67 milioni di lavoratori domestici del mondo, il 75 per cento dei quali sono lavoratori informali, la disoccupazione è diventata minacciosa quanto il virus stesso. Molti non sono stati in grado di lavorare, sia su richiesta dei loro datori di lavoro che in conformità con le misure di isolamento. Coloro che continuano ad andare al lavoro sono ad alto rischio di contagio e si prendono cura delle famiglie nelle case private. Per gli 11 milioni di lavoratori domestici immigrati la situazione è ancora peggiore.
“La crisi di COVID-19 sta aggravando le vulnerabilità e le disuguaglianze già esistenti”, dice Philippe Marcadent, capo della divisione INWORK dell’ILO. “Le risposte politiche devono garantire che il sostegno raggiunga i lavoratori e le imprese che ne hanno più bisogno”.
I paesi con le più grandi economie informali, dove sono state adottate misure di blocco totale, stanno soffrendo maggiormente le conseguenze della pandemia. I lavoratori dell’economia informale colpiti in modo significativo dall’isolamento variano dall’89 per cento in America Latina e negli Stati arabi all’83 per cento in Africa, al 73 per cento in Asia e nel Pacifico e al 64 per cento in Europa e in Asia centrale.
Secondo l’ILO, i Paesi devono seguire una strategia a più vie che combini diverse linee d’azione relative sia alla salute che all’impatto economico della pandemia.
Tra le sue raccomandazioni, il rapporto sottolinea la necessità di politiche che riducano l’esposizione dei lavoratori informali al virus, garantiscano che le persone infette abbiano accesso all’assistenza sanitaria, forniscano reddito e sostegno alimentare agli individui e alle loro famiglie e prevengano danni al tessuto economico dei Paesi.
Secondo l’ILO, i Paesi devono seguire una strategia a più vie che combini diverse linee d’azione relative sia alla salute che all’impatto economico della pandemia. Fonte: ILO (International Labour Organization). Traduzione a cura di Mario Padroni

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: