La Svezia all’avanguardia nel settore minerario, dove l’automazione è la soluzione, non una minaccia.

Il team di ILO News è andato in profondità nel sottosuolo in uno dei più avanzati paesi al mondo nel settore minerario, per scoprire come la tecnologia ha interessato i lavori, la sicurezza e l’integrazione delle donne.

GARPENBERG, Svezia (ILO News) – il mondo del lavoro subisce trasformazione di proporzioni senza precedenti. Non passa giorno senza che un titolo di giornale dichiari che i robot stanno rubando i nostri posti di lavoro. Anche se in Svezia le miniere sono altamente automatizzate, la risposta è un deciso “no”.

I manager e i leader sindacali a Boliden miniera di Garpenberg, circa 200 km a nord-ovest di Stoccolma, dichiarano che la tecnologia ha impedito la chiusura della miniera e i suo declino, e sono fiduciosi di poter continuare a salvare posti di lavoro.

La miniera di Boliden chiaramente sostiene la tesi che, correttamente gestita, la tecnologia può contribuire a creare nuovi posti di lavoro dignitosi. L’automazione ha contribuito a promuovere l’integrazione delle donne, ridurre i rischi e aumentare la produttività.

Qui, i “minatori del futuro” lavorano a circa un chilometro di metropolitana, ma in uffici climatizzati, isolato dal caldo e umido, dalle gallerie dove la foratura per l’estrazione di zinco e argento. Essi tele-operano i macchinari pesanti, in maniera sicura, seduti nelle loro comode poltrone, con l’aiuto di joystick e gli schermi dei monitor.

“Adottando la nuova tecnologia è un modo per noi di mantenere i nostri posti di lavoro, e in modo per sopravvivere”, dice Ulf Gustafsson,” un IG Metall rappresentante sindacale presso la miniera.

Dalarna (contea), dove Garpenberg è stata per secoli il cuore dell’industria mineraria della Svezia, ma il crollo dei prezzi dei minerali e la concorrenza internazionale, nel 1990 ha portato alla chiusura della maggior parte delle miniere della regione.

La miniera di Boliden, era tra quelli previste da chiudere, ma un nuovo minerale di deposito è stato scoperto. Nel 2011, Boliden ha deciso non solo di mantenere, ma di espandere le operazioni concentrandosi sull’automazione.

Jenny Gotthardsson, è Amministratore Delegato della miniera, ed è convinta che la produttività è essenziale per il continuo successo della miniera. “La concorrenza nel settore minerario è feroce. In un paese come la Svezia, con i suoi alti salari, possiamo solo rimanere competitivi se si ottimizzare la produttività. Perché siamo competitivi, siamo in grado di preservare e anche creare posti di lavoro”, dice.

Inoltre, sottolinea l’importanza del dialogo sociale e cita il fatto che sono i lavoratori stessi a testare le nuove tecnologie fino a quando non saranno operative.

Tra le 440 persone che lavorano nel sito di Garpenberg, il 18 per cento sono donne. “Speriamo di aumentare il numero, grazie all’automazione, in modo da rispecchiare meglio la composizione della società svedese,” dice Gotthardsson.

Tradizionalmente maschile il mondo mineraio, Gotthardsson dice che si sente a suo agio nel suo lavoro. “Non importa se sono un uomo o una donna, ho concentrato la mia missione di sviluppare e gestire la miniera, tra cui la sicurezza e l’attuazione di automazione”.

Uno dei minatori – che ora tendono ad essere chiamati operatori – Knut Lund, dalla Norvegia, ricorda i rischi che si presentano quando ha iniziato a lavorare in miniera nel 1990. Crollo di pareti rocciose sono il pericolo più grande, e molti dei suoi colleghi sono rimasti feriti, alcuni in modo grave. Più che mai, la sicurezza è diventata una priorità per tutti. Un manichino collocato vicino agli spogliatoi dei minatori indica tutti i punti del corpo umano che sono stati feriti in incidenti nel sito di Garpenberg – un modo di ricordare a tutti l’importanza della stretta conformità con le procedure di sicurezza.

Inoltre sono presenti telecamere che rendono possibile il controllo anche delle zone più lontane della miniera e per chi, come la mia deve portare un tracker (localizzatore) che consente di individuare la nostra esatta posizione.

“Grazie alla miniera di automazione, lavoriamo in buone e sicure condizioni”, dice Gustafsson. La Svezia è stata tra i primi paesi a ratificare l’ILO sulla Sicurezza e la Salute nelle Miniere Convenzione, 1995 (N. 176). In base alla Convenzione, i governi devono istituire un quadro affinché si abbia un ambiente minerario più sicuro e i datori di lavoro devono garantire la sicurezza nella miniera, mentre i lavoratori hanno il diritto di partecipare in sicurezza del posto di lavoro e di rifiutare di lavoro pericolose. Fonte: ILO Traduzione a cura di Mario Padroni. Photo by Ricardo Gomez Angel on Unsplash

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2017 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Powered by Fadpro

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939