La pandemia COVID-19 sta avendo un effetto catastrofico sull’orario di lavoro e sui guadagni, a livello globale. Un nuovo rapporto dell’OIL evidenzia alcuni dei settori e delle regioni più colpiti e delinea le politiche per mitigare la crisi.

GINEVRA (Notizie OIL) – La crisi COVID-19 dovrebbe spazzare via il 6,7 per cento delle ore di lavoro a livello globale nel secondo trimestre del 2020, equivalenti a 195 milioni di lavoratori a tempo pieno. Press release 07 aprile 2020

Grandi riduzioni sono previste negli Stati arabi (8,1 per cento, equivalenti a 5 milioni di lavoratori a tempo pieno), Europa (7,8 per cento, o 12 milioni di lavoratori a tempo pieno) e Asia e Pacifico (7,2 per cento, 125 milioni in pieno Lavoratori a tempo determinato).
Si prevedono enormi perdite tra i diversi gruppi di reddito ma soprattutto nei paesi a reddito medio-alto (7,0 per cento, 100 milioni di lavoratori a tempo pieno). Ciò supera di gran lunga gli effetti della crisi finanziaria del 2008-2009.
I settori più a rischio comprendono alloggi e servizi di ristorazione, produzione, vendita al dettaglio e attività commerciali e amministrative.
L’eventuale aumento della disoccupazione globale nel 2020 dipenderà sostanzialmente dagli sviluppi futuri e dalle misure politiche. Esiste il rischio elevato che la cifra di fine anno sia significativamente superiore alla proiezione iniziale dell’OIL, di 25 milioni.
“I lavoratori e le imprese si trovano ad affrontare una catastrofe, sia nelle economie sviluppate che in quelle in via di sviluppo … Dobbiamo muoverci velocemente, in modo deciso e insieme. Le misure giuste e urgenti potrebbero fare la differenza tra sopravvivenza e collasso” Guy Ryder, direttore generale dell’ILO

Più di quattro persone su cinque (81%) nella forza lavoro globale di 3,3 miliardi sono attualmente colpite da chiusure sul posto di lavoro totali o parziali.
‘I lavoratori e le imprese si trovano ad affrontare una catastrofe, sia nelle economie sviluppate che in quelle in via di sviluppo’, ha dichiarato Guy Ryder, direttore generale dell’ILO. “Dobbiamo muoverci velocemente, in modo deciso e insieme. Le misure giuste e urgenti potrebbero fare la differenza tra sopravvivenza e collasso. ‘

La seconda edizione di ILO Monitor: COVID-19 e il mondo del lavoro, che descrive COVID-19 come ‘la peggiore crisi globale dalla seconda guerra mondiale’, aggiorna una nota di ricerca dell’ILO pubblicata il 18 marzo. La versione aggiornata include informazioni settoriali e regionali sugli effetti della pandemia.
Secondo il nuovo studio, 1,25 miliardi di lavoratori sono impiegati nei settori identificati come ad alto rischio di aumenti ‘drastici e devastanti’ dei licenziamenti e riduzioni dei salari e dell’orario di lavoro. Molti svolgono lavori poco retribuiti e poco qualificati, dove un’improvvisa perdita di reddito è devastante.
A livello regionale, la percentuale di lavoratori in questi settori ‘a rischio’ varia dal 43% nelle Americhe al 26% in Africa. Alcune regioni, in particolare l’Africa, hanno livelli più elevati di informalità, che combinati con una mancanza di protezione sociale, alta densità di popolazione e scarsa capacità, pongono gravi problemi sanitari ed economici per i governi, afferma il rapporto.

In tutto il mondo, due miliardi di persone lavorano nel settore informale (principalmente nelle economie emergenti e in via di sviluppo) e sono particolarmente a rischio.

Sono necessarie misure politiche su larga scala e integrate, incentrate su quattro pilastri: sostegno alle imprese, occupazione e redditi; Stimolare l’economia e l’occupazione; Proteggere i lavoratori sul posto di lavoro; E, usando il dialogo sociale tra governo, lavoratori e datori di lavoro per trovare soluzioni, dice lo studio.
“Questo è il più grande test per la cooperazione internazionale in oltre 75 anni’, ha affermato Ryder. “Se un paese fallisce, allora falliamo tutti. Dobbiamo trovare soluzioni che aiutino tutti i segmenti della nostra società globale, in particolare quelli che sono più vulnerabili o meno in grado di aiutare se stessi”.
“Le scelte che facciamo oggi influenzeranno direttamente il modo in cui questa crisi si sviluppa e quindi la vita di miliardi di persone’, ha aggiunto. “Con le giuste misure possiamo limitare il suo impatto e le cicatrici che lascia. Dobbiamo mirare a ricostruire meglio in modo che i nostri nuovi sistemi siano più sicuri, più equi e più sostenibili di quelli che hanno permesso che questa crisi si verificasse ”. Fonte ILO (International Labour Organization) Scarica rapporto completoTraduzione a cura di Mario Padroni

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: