L’OMS chiede ulteriori studi e dati sull’origine del virus SARS-CoV-2 e ribadisce che tutte le ipotesi restano aperte

 

Il rapporto del team internazionale sulla loro visita sul campo a Wuhan, dal 14 gennaio al 10 febbraio 2021, è stato pubblicato oggi mentre il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha chiesto ulteriori studi.
Il rapporto deriva da una risoluzione degli Stati membri adottata per consenso all’Assemblea Mondiale della Sanità nel maggio 2020 e che chiede all’OMS di “identificare la fonte zoonotica del virus e il percorso di introduzione nella popolazione umana, compreso il possibile ruolo degli ospiti intermedi, anche attraverso sforzi come missioni scientifiche e collaborative sul campo”.

Nelle osservazioni agli Stati membri oggi, il dottor Tedros, che ha ricevuto il rapporto completo nel fine settimana, ha ringraziato il team per il loro lavoro instancabile. Ha detto che è aumentata la nostra comprensione in modo importante, mentre ancora solleva domande che dovranno essere affrontate da ulteriori studi, come notato nel rapporto. “Per quanto riguarda l’OMS, tutte le ipotesi rimangono sul tavolo. Questo rapporto è un inizio molto importante, ma non è la fine. Non abbiamo ancora trovato l’origine del virus, e dobbiamo continuare a seguire la scienza e non lasciare nulla di intentato”, ha detto il dottor Tedros. “Trovare l’origine di un virus richiede tempo e lo dobbiamo al mondo per trovare la fonte in modo da poter prendere collettivamente misure per ridurre il rischio che questo accada di nuovo. Nessun singolo viaggio di ricerca può fornire tutte le risposte”.

Il rapporto è disponibile su questa pagina web

Di seguito è riportato il testo completo delle osservazioni del direttore generale che può essere trovato qui:

Informazioni di base
Fin dall’inizio della pandemia l’OMS ha sottolineato la necessità di capire l’origine del virus per comprendere meglio l’emergere di nuovi patogeni e le possibili esposizioni.

Solo poche settimane dopo l’inizio dell’epidemia, il comitato di emergenza IHR  (International health regulations) di esperti indipendenti ha raccomandato all’OMS e alla Cina di proseguire gli sforzi per identificare l’origine animale del virus.
Per tutto il 2020, l’OMS ha continuato a discutere con la Cina e altri Stati membri la necessità di studiare e condividere le informazioni sulle origini del virus.
La risoluzione dell’Assemblea Mondiale della Sanità del maggio 2020, adottata da tutti gli Stati membri, ha citato la necessità di “identificare la fonte zoonotica”:

WHA (World Health Assembly) 73.1 del 19 maggio 2020: 9. (6) continuare a lavorare a stretto contatto con l’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE), l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) e i paesi, come parte dell’Approccio One-Health per identificare la fonte zoonotica del virus e la via di introduzione nella popolazione umana, incluso il possibile ruolo degli ospiti intermedi, anche attraverso sforzi quali missioni scientifiche e di collaborazione sul campo, che consentiranno interventi mirati e un’agenda di ricerca per ridurre il rischio che si verifichino eventi simili, oltre a fornire indicazioni su come prevenire l’infezione da coronavirus 2 della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-COV2) negli animali e nell’uomo e prevenire la creazione di nuovi serbatoi zoonotici, oltre a ridurre ulteriori rischi di emergenza e trasmissione di malattie zoonotiche;
Nel luglio 2020 l’OMS ha inviato un piccolo team in Cina per pianificare uno studio congiunto composto da scienziati cinesi e internazionali indipendenti.

È stato concordato che l’OMS avrebbe selezionato gli scienziati internazionali. I termini di riferimento per lo studio sulle origini dei virus sono stati completati entro l’autunno 2020.

Termini di riferimento dello studio globale sulle origini della SARS-COV2

Il team di scienziati proveniva da tutto il mondo: Australia, Cina, Danimarca, Germania, Giappone, Kenya, Paesi Bassi, Qatar, Federazione Russa, Regno Unito, Stati Uniti d’America e Vietnam.

Il team internazionale congiunto comprendeva 17 cinesi e 17 esperti internazionali di altri 10 paesi, nonché l’Organizzazione mondiale per la salute animale (OIE) e l’OMS.

Trovate la lista dei membri del team internazionale qui.
Fin dall’inizio, questo studio è stato concepito come un passo sulla strada della comprensione delle origini del COVID-19 che riflette lo scopo specifico e il mandato delineato dagli Stati membri nella risoluzione dell’Assemblea Mondiale della Sanità e nei termini di riferimento negoziati. Fonte: WHO, traduzione a cura di Mario Padroni, Photo by Sean Zhang on Unsplash

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Send this to a friend