Operatrici sanitarie: lavorano incessantemente a casa e nel luogo di lavoro – ILO

COVID-19: protezione dei lavoratori sul luogo di lavoro

Le donne rappresentano globalmente oltre il 70% dei lavoratori in sanità, compresi quelli che lavorano in istituti di cura. Sono in prima linea nella lotta contro COVID-19. A causa della pandemia si trovano ad affrontare un doppio onere: turni più lunghi al lavoro e cure aggiuntive a casa.

Prendi Alberta Delle Grazie. È capo infermiere di un’unità di terapia intensiva in un ospedale nel nord Italia. Il suo lavoro comporta lunghe ore, turni notturni e un alto livello di responsabilità. ‘Prima era già difficile’, mi ha detto, ‘ma adesso, dopo tre settimane dall’emergenza COVID-19, siamo esausti, preoccupati ed emotivamente svuotati. Molti di noi sono stati infettati, altri sono morti. ”
Alberta ha tre bambini piccoli a casa. Li vede solo un paio d’ore al giorno dopo il lavoro e quando lo fa non è stato facile. “È un’agonia lancinante mettere il corpo di una persona in una borsa e poi andare a casa e fingere che tutto vada bene”, ha detto. È un esempio delle pressioni emotive e mentali quotidiane a cui sono sottoposte molte donne (e uomini) operatori sanitari.

Per i quasi 100 milioni di lavoratrici nelle istituzioni sanitarie di tutto il mondo, bilanciare lavoro e responsabilità familiari è sempre stata una sfida. Lo scoppio ha fatto luce su queste disuguaglianze di genere di lunga data. Ha inoltre esposto ed esacerbato una crisi di assistenza globale già esistente.
In circostanze normali, le donne svolgono una media giornaliera di 4 ore e 25 minuti di lavoro di assistenza non retribuito contro 1 ora e 23 minuti per gli uomini. La pandemia, insieme alla sua chiusura associata di scuole, assistenza all’infanzia e altre strutture di assistenza hanno aumentato notevolmente il tempo quotidiano impiegato nel lavoro di assistenza non retribuito.
Ciò è particolarmente vero per le donne che lavorano in case unifamiliari che potrebbero non avere altra scelta se non quella di prendersi cura dei propri figli e dei genitori più grandi al ritorno dal lavoro, con il rischio di infettarli con COVID-19.

Si dice spesso che in tempi difficili, le persone fanno cose che prima erano impensabili. Pertanto, alcuni governi hanno adottato misure per sostenere i lavoratori, in particolare quelli che lavorano nei settori coinvolti nella risposta alle emergenze che hanno meno probabilità di poter lavorare da casa.
Ad esempio, in Italia è stato introdotto un ‘bonus babysitter’ fino a 1.000 euro (1104 US $) per consentire agli operatori del settore sanitario di pagare l’assistenza all’infanzia a domicilio. In Austria, Francia, Germania e Paesi Bassi, dove le strutture per l’infanzia e le scuole sono state generalmente chiuse, alcune strutture rimangono aperte, con uno staff ridotto al minimo per prendersi cura dei figli dei lavoratori essenziali. La Germania ha anche aumentato l’accesso alle prestazioni di assistenza all’infanzia per i genitori a basso reddito, mentre la Corea del Sud ha emesso buoni per 2,4 trilioni di won (2 miliardi di dollari) a famiglie a basso reddito mentre passano dall’asilo nido alla cura della casa.
Saranno necessarie ulteriori misure di questo tipo se vogliamo continuare ad aiutare le donne che lavorano nel settore sanitario ad affrontare l’impossibile compito di combattere COVID19 e prendersi cura delle loro famiglie a casa. Ma sono necessarie anche soluzioni a lungo termine.
Questa pandemia ha fatto luce sull’importanza del lavoro di cura retribuito e non retribuito. Ci offre un’opportunità unica per dare la priorità agli investimenti nel settore sanitario e assistenziale. Le politiche ristrette sulla ridistribuzione del lavoro di assistenza non retribuito tra donne e uomini, tra famiglie e Stato non sono più un’opzione praticabile o sostenibile.
Se vogliamo uscire da questa crisi con società più eque, le donne dovranno essere pienamente coinvolte nel ripensamento e nella riprogettazione del mondo del lavoro post-COVID-19. Fonte ILO (International Labour Organization) Traduzione a cura di Mario Padroni. Photo by Ani Kolleshi

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: