Rischio: separare i neonati dalle madri durante la pandemia

Una nuova ricerca evidenzia i rischi derivanti dalla separazione dei neonati dalle madri durante la pandemia di COVID-19.

 

Tenere insieme madri e bambini potrebbe salvare più di 125.000 vite (Fonte OMS)
Una nuova ricerca dell’OMS e dei suoi partner mostra che la pandemia di COVID-19 sta colpendo gravemente la qualità delle cure prestate ai neonati piccoli e malati, causando sofferenze e morti inutili.

Uno studio pubblicato su Lancet e clinical Medicine evidenzia l’importanza critica di assicurare che i neonati abbiano uno stretto contatto con i genitori dopo la nascita, specialmente per quelli nati troppo piccoli (a basso peso alla nascita) o troppo presto (pretermine). Tuttavia, in molti paesi, se le infezioni da COVID-19 sono confermate o sospette, i neonati vengono abitualmente separati dalle loro madri, mettendoli a più alto rischio di morte e complicazioni sanitarie per tutta la vita.

Questo è soprattutto il caso dei paesi più poveri, dove si verifica il maggior numero di nascite pretermine e di morti infantili. Secondo il rapporto, le interruzioni della cura della madre canguro – che comporta uno stretto contatto tra un genitore, di solito una madre, e un neonato – peggiorerà questi rischi.

Fino a 125.000 vite di bambini potrebbero essere salvate con la piena copertura dell’assistenza canguro. Per i bambini nati pretermine o a basso peso alla nascita, la cura della madre canguro (contatto precoce e prolungato pelle a pelle con un genitore e allattamento al seno esclusivo) è particolarmente critica. Tra i bambini nati pretermine o a basso peso alla nascita, è stato dimostrato che le cure della madre canguro riducono le morti infantili del 40%, l’ipotermia di oltre il 70% e le infezioni gravi del 65%.

“Le interruzioni dei servizi sanitari essenziali durante il COVID-19 hanno gravemente compromesso la qualità delle cure fornite ad alcuni dei bambini più vulnerabili, e questo include il loro diritto al contatto “salvavita di cui hanno bisogno con i loro genitori”, ha detto il dottor Anshu Banerjee, direttore per la salute materna, neonatale, infantile e adolescenziale e l’invecchiamento dell’OMS. “Decenni di progressi nella riduzione delle morti infantili saranno messi a repentaglio se non agiamo ora per proteggere e migliorare i servizi di assistenza di qualità per le madri e i neonati, ed espandere la copertura di interventi salvavita come l’assistenza alla madre canguro”.

L’OMS consiglia che le madri dovrebbero continuare a condividere una stanza con i loro bambini fin dalla nascita ed essere in grado di allattare al seno e praticare il contatto pelle a pelle – anche quando le infezioni da COVID-19 sono sospettate o confermate – e dovrebbero essere sostenute per garantire pratiche appropriate di prevenzione delle infezioni.

“È necessaria molta più attenzione per garantire che gli operatori sanitari e i responsabili politici a livello globale siano consapevoli della necessità di tenere insieme madri e bambini in questi primi giorni critici, soprattutto per i bambini nati troppo piccoli o troppo presto”, ha detto Queen Dube, direttore sanitario presso il Ministero della Salute in Malawi, uno degli autori del rapporto. “La Kangaroo Mother Care è uno dei modi più convenienti per proteggere i neonati piccoli e malati. Secondo la nostra analisi, questi rischi superano di gran lunga la piccola possibilità che un neonato si ammali gravemente a causa del COVID-19”.

“L’assistenza materna canguro è tra i migliori interventi per migliorare le possibilità di sopravvivenza di un bambino prematuro o a basso peso alla nascita, soprattutto nei paesi a basso reddito”, ha aggiunto.

L’evidenza suggerisce che le interruzioni della cura della madre canguro possono già essere preoccupantemente diffuse. Una revisione sistematica di 20 linee guida cliniche di 17 paesi durante la pandemia di COVID-19 ha scoperto che un terzo raccomanda la separazione di madri e neonati se la madre ha o potrebbe avere la COVID-19. In un sondaggio globale di migliaia di operatori sanitari neonatali, pubblicato oggi in un documento correlato nel British Medical Journal (BMJ) Global Health, due terzi degli operatori sanitari in 62 paesi hanno riferito di non permettere alle madri con confermato o sospetto COVID-19 di praticare il contatto di routine pelle a pelle, mentre quasi un quarto non ha permesso l’allattamento al seno, anche da parte di operatori non infetti.

Gli studi hanno riportato principalmente l’assenza di sintomi o malattie lievi da COVID-19 nei neonati infetti, con basso rischio di morte neonatale. Questo nuovo studio stima che il rischio che i neonati prendano il COVID-19 comporterebbe meno di 2000 morti.

Tuttavia, l’infezione durante la gravidanza può comportare un aumento del rischio di parto pretermine, il che significa che è ancora più importante garantire la giusta assistenza per sostenere i bambini pretermine e i loro genitori durante la pandemia di COVID-19.

Secondo le stime più recenti, 15 milioni di bambini nascono pretermine (prima delle 37 settimane) ogni anno e 21 milioni nascono a basso peso alla nascita (sotto i 2,5 kg). Questi bambini affrontano rischi significativi per la salute, tra cui disabilità, ritardi nello sviluppo e infezioni, mentre le complicazioni legate alla prematurità sono le principali cause di morte dei neonati e dei bambini sotto i 5 anni. Fonte: WHO (World Health Organization).  Traduzione e cura di Mario Padroni

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Send this to a friend