Le disposizioni del nuovo DPCM per la Fase 2 saranno valide dal 4 maggio 2020 e sono efficaci fino al 17 maggio 2020. Alle imprese che potranno riaprire dal 4 maggio sarà consentito preparare la ripartenza con «attività propedeutiche» a partire dal 27 aprile. Quali attività possono riaprire, regole e tempi.
Tutti i protocolli per la sicurezza anti-contagio da coronavirus condivisi e siglati in questi giorni con le parti sociali vengono allegati al nuovo DPCM per la ‘Fase 2’, diventando parte integrante delle nuove regole.

 

Dal 27 aprile

  • Potranno ripartire in tutto il paese le imprese e i distretti del settore manifatturiero la cui attività sia rivolta prevalentemente all’export e le aziende del comparto costruzioni, solo per i cantieri su dissesto, scuola, carceri e edilizia residenziale pubblica. Lo potranno fare solo se in condizioni di rispettare i protocolli sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. 

Dal 4 maggio

  • Riparte il comparto manifatturiero insieme all’edilizia e al commercio all’ingrosso.
  • Bar e ristoranti potranno fare attività di ristorazione con asporto («ma si entrerà uno alla volta e il cibo si potrà consumare soltanto a casa o in ufficio, nessun assembramento permesso.
  • Via libera anche all’attività motoria, anche distante da casa, ma solo individuale. Nonché agli allenamenti, a porte chiuse, dei professionisti per le discipline individuali.
  • Le chiese riapriranno ma non sarà ancora possibile celebrare messe. Sarà possibile invece celebrare di nuovo i funerali, ma alla presenza solo di parenti stretti e con un massimo di 15 persone con mascherine.
  • Visite mirate tra familiari, si potranno visitare i parenti, «ma con mascherina». No alle riunioni di famiglia.
  • Confermato il divieto di spostamento tra le Regioni, se non per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute.
  • Via libera a rientri al proprio domicilio, rimangono le autocertificazioni.
  • Consentito anche l’accesso a ville, a parchi pubblici ma nel rispetto delle distanze e delle prescrizioni di sicurezza.

dal 18 maggio

  • Riapertura dei negozi al dettaglio e musei. Si tratta ovviamente delle attività diverse da quelle già autorizzate (che sono generi alimentari, igiene della persona, edicole, farmacie e parafarmacie, tabaccai, librerie, negozi di vestiti per bambini e neonati). In quella stessa data riapriranno musei, mostre e biblioteche. E ripartiranno gli allenamenti delle squadre.

dal 1 giugno

  • Apertura di bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici.

Obbligo mascherine sui mezzi pubblici

Gli “allentamenti” del lockdown presuppongono l’adozione di severe misure di sicurezza con mascherine obbligatorie su tutti i mezzi pubblici. Le mascherine andranno indossate in modo da coprire naso e bocca e potranno essere anche di stoffa. L’obbligo delle mascherine dovrebbe valere (in base alle indicazioni del comitato tecnico scientifico) solo nei luoghi chiusi oppure se non si può rispettare distanziamento. 

Scarica indice     Scarica bozza DPCM 26 aprile 2020

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: