formazione professionale e covid

Un nuovo rapporto basato su un sondaggio tra agenzie sull’istruzione e formazione tecnica e professionale (TVET) evidenzia le sfide sollevate dalla pandemia COVID-19, nonché le innovazioni nell’insegnamento e nell’apprendimento.

GINEVRA (ILO NEWS) – I programmi di formazione professionale e di apprendistato sono stati duramente colpiti dalla pandemia del COVID-19.
Secondo un’indagine globale di più di 1.350 fornitori di formazione tecnico-professionale (TVET)*, molti paesi e fornitori di formazione non erano sufficientemente preparati a rispondere ai vincoli derivanti dalla crisi, anche se alcuni sono passati rapidamente all’apprendimento a distanza.
La maggior parte degli intervistati ha riportato interruzioni nella formazione, in particolare nell’apprendimento basato sul lavoro a causa della chiusura delle imprese, così come la cancellazione degli esami di valutazione e certificazione.
Tuttavia, dall’inizio della crisi, le innovazioni nell’insegnamento e nell’apprendimento hanno cominciato ad emergere, dice il rapporto, Skills development in the time of COVID-19: Fare il punto sulle risposte iniziali nell’istruzione e formazione tecnica e professionale.
L’indagine ha riguardato i fornitori di TVET, i responsabili politici e le parti sociali in 126 paesi. È stata condotta tra il 5 aprile e il 15 maggio 2020 dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) e la Banca Mondiale.
TVET fornisce istruzione e formazione a diversi livelli di abilità relativi a una vasta gamma di opzioni di lavoro, tra cui per idraulici, elettricisti, addetti alle vendite, contabili, programmatori e impiegati di banca. La natura pratica e pratica dei programmi di formazione ha creato sfide particolari.
All’inizio della pandemia, pochi paesi e fornitori di formazione avevano sufficienti attrezzature, connettività, software e piattaforme di apprendimento a distanza e risorse pedagogiche. Inoltre, la maggior parte degli studenti e degli istruttori inizialmente non aveva le competenze digitali per poter adattare e utilizzare i servizi TVET.
Il passaggio all’insegnamento a distanza è stato un processo di apprendimento attraverso la pratica. Gli esempi evidenziati nel rapporto hanno mostrato lo sviluppo di opzioni flessibili di apprendimento e di valutazione, che vanno da soluzioni ad alta tecnologia a quelle a bassa o nulla tecnologia.
Questi includono l’uso di piattaforme offline, compresi i canali televisivi nazionali, per diffondere le conoscenze pratiche in un certo numero di paesi, tra cui la Repubblica Democratica del Congo, il Madagascar e il Pakistan, e lo sviluppo di guide di apprendimento autodidattico e valutazioni virtuali delle competenze. In alcuni paesi, gli studenti hanno girato video e foto dei compiti pratici svolti a casa e li hanno caricati su piattaforme virtuali.
Sono emersi anche nuovi partenariati pubblico-privato, compresa la fornitura di attrezzature digitali agli insegnanti e agli studenti svantaggiati.
Alcuni paesi hanno anche adottato nuove misure politiche per assicurare che i sistemi TVET siano meglio preparati per gli shock futuri.
Tuttavia, il rapporto sottolinea che, mentre più di due terzi dei fornitori di TVET hanno riferito di aver impartito la formazione interamente con metodi a distanza durante la pandemia, pochissimi nei paesi a basso reddito sono stati in grado di fare questa transizione. I problemi di accesso relativi alle modalità di apprendimento remoto online e alle infrastrutture rischiano di lasciare indietro gli studenti svantaggiati, a meno che non vengano prese misure adeguate per superare il divario digitale, avverte il rapporto.
I fornitori di formazione, i politici e gli altri stakeholder si stanno rendendo conto dell’importanza di attuare misure per migliorare la resilienza dei sistemi di formazione delle competenze e la preparazione, in modo da poter continuare a fornire formazione durante le crisi future.   Fonte ILO (International Labour Organization)  Traduzione a cura di Mario Padroni

*TVET (Technical Vocational Educational Training)

Nessun commento

Spiacenti, non è possibile inserire commenti adesso

logo

S&L Srl

Via G. Bovini 41

48123 Ravenna


P.IVA 02051500391

Cap.Soc. € 10.000,00

Reg.Imp. RA n.167253 R.E.A. 167253


Copyright © 2019 www.sicurezzaoggi.com

All rights reserved

Contatti

Email: info@sicurezzaoggi.com

Tel.: +39 0544 465497

Cell.: +39 333 1182307

Fax: +39 0544 239939

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Send this to a friend